Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere via email le notizie del sito, iscriviti alla newsletter!
 
 
 

Sondaggio

Ti piacerebbe se, a volte, al posto delle news sul sito, ci fossero delle offerte filateliche?
 

Cerca

Archivio Notizie



Francobollo per l’anno archimedeo

Share

Francobollo Archimede

Il 2013 è stato nominato anno archimedeo in onore di uno tra i più noti scienziati sempre. Archimede, nacque a Siracusa, secondo diverse fonti, nel 287 a.C. e diede il suo fondamentale contributo alla conoscenza in svariati campi, quali la matematica, la fisica, la geometria, l’idraulica, l’ottica, ecc..


Dopo 2300 anni, rimangono nella memoria oltre alle numerose invenzioni, anche alcuni interessanti aneddoti sull’opera di Archimede. Ricordiamo tra questi, quello in cui su richiesta del re Gerone II, Archimede si occupò di dimostrare se la corona del re fosse fatta d’oro puro o mescolato con altri metalli. Per dimostrare la composizione, Archimede impiegò un metodo ingegnoso, che, secondo i racconti, gli venne in mente quando, facendo un bagno, notò come l’acqua si sollevava, mentre il suo corpo veniva immerso, l’esclamazione che seguì a questa intuizione, è ancora oggi celebre: Eureka!


Il metodo consisteva nel pesare tramite una bilancia, da una parte la corona e dall’altra dell’oro dello stesso peso, entrambi immersi nell’acqua. Secondo gli storici, il braccio della bilancia si alzò più di quello con l’oro, verificando che la spinta subita dalla corona, da parte dell’acqua era maggiore, a causa della diversa composizione, e dimostrando così che la corona non era fatta soltanto di oro, ma anche di altri metalli.


Tornando all’anno archimedeo, Poste Italiane per l’occasione celebrerà questo evento con un’apposita emissione filatelica.

La vignetta realizzata da Luca Vangelli, riproduce, sull’intera superficie, la tabella dei numeri “pi greco” con le prime cifre decimali e, sovrapposti, in alto una costruzione geometrica tratta dal volume “Sulla sfera e il cilindro” e in basso un disegno tratto dal “Libro dei Lemmi”; in alto a destra, è raffigurata la lettera “π” dell’alfabeto greco, detta anche numero di Archimede che rappresenta il rapporto tra la circonferenza e il diametro della stessa. Completano il francobollo la leggenda “ANNO ARCHIMEDEO”, la scritta “ITALIA” e il valore “€ 0,70”.

A commento dell’emissione verrà posto in vendita il bollettino illustrativo con articolo a firma del Prof. Ciro Ciliberto, Ordinario di Geometria Algebrica, Presidente dell’Unione Matematica Italiana, Dipartimento di Matematica, Università di Roma “Tor Vergata”.