Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere via email le notizie del sito, iscriviti alla newsletter!
 
 
 

Sondaggio

Ti piacerebbe se, a volte, al posto delle news sul sito, ci fossero delle offerte filateliche?
 

Cerca

Archivio Notizie



La prima macchina lunare compie 40 anni

Share

Lunar Rover

Sono oramai trascorsi ben 40 anni da quando nel 1971 fu usata, per la prima volta, un’automobile sulla Luna dall’equipaggio della missione Apollo 15. Il “Moon rover”, tecnicamente chiamato LRV (Lunar Roving Veichle) era un sofisticato mezzo elettrico realizzato dalla NASA che é stato impiegato nelle missioni lunari dall’Apollo 15 all’Apollo 17.

Era il 1° agosto del 1971 quando la prima di queste automobili entrò in azione, guidata da James Aldrin, l'astronauta che era allunato il 30 luglio precedente assieme al compagno, comandante della missione lunare, David Scott.

La tecnologia dei Lunar Roving Veichle, LRV, era estremamente sofisticata. Leggeri, essenziali, in grado di essere utilizzati su terreni sconnessi come il suolo lunare. Il “Moon rover” nella missione Apollo 15 permise la raccolta di importanti campioni lunari nella zona montagnosa chiamata “Appennini Hadley” oltre ad essere il primo mezzo spaziale a trasportare un carico di buste (sacco postale).

Dalla prima missione sulla Luna, tutti gli astronauti delle missioni Apollo sono stati autorizzati dalla Nasa a trasportare, a titolo personale, souvenir, cosmogrammi compresi ( lotti di francobolli commemorativi ), sia intorno che sulla Luna, e questi rappresentano una delle più grandi testimonianze della conquista dello spazio e dell'astrofilatelia.

Il "carico postale" si è verificato per i voli dell'Apollo 11, 13, 14, 15 e 16. I cosmogrammi dell'Apollo 12 (87 buste), che per disguidi tecnici non sono stati caricati, vengono invece imbarcati sull'Apollo 15. Per tale motivo l’Apollo 15 rappresenta la missione lunare che ha trasportato il maggior numero di cosmogrammi per un totale di 641 buste. Di questi 398 compirono con la “Moon rover” il primo viaggio automobilistico sulla Luna. La pratica del "carico postale" s'interruppe per il sospetto abuso della stessa da parte degli astronauti dell'Apollo 15, e non venne più autorizzata alle soglie della partenza dell'Apollo 17 (7 dicembre 1972). Nell'ultima missione dell'uomo sulla Luna, non ci sono pertanto testimonianze postali.

Tanti altri capitoli della conquista dello spazio trovano una testimonianza nei documenti postali spaziali. Hanno suscitato fascino e mistero permettendo di raccontare a tutto il mondo, attraverso francobolli, lettere, telegrammi e fotografie, la fantastica sfida dell'Uomo nello Spazio.